ALLA PRINCIPESSA DIANA

Ora finalmente dormi
mia adorabile regina.
T’ammanta il silenzio
della morte e tutto il
mondo tace.

Non pi¨ flash, foto,
annunci, TV, radio
o altro affliggono
il tuo cuore e la mente.

Sei volata come un
sogno nella notte;
sei svanita tuo malgrado
nell’irreale.

Ancora ti vedo in Tv,
personaggio d’ogni tempo
gloria e storia si confondono
e i tuoi sudditi, ahimŔ, piangono.

Scuoti dalla tomba ogni casato,
che in vita tanto peso hanno recato,
non una lacrima, non canto,
t’hanno i regali riservato.

Eppure c’Ŕ stato e ci sarÓ
chi nel mondo ti amerÓ,
come donna, come mamma,
come eroe che si osanna.

Ed io, con rose, mirto, colombi
e passeri traggo il carro
di conchiglia e con grazie e lusinghe
intercedo mitici trionfi.

Da lontano, come il cacciatore
cipriota, sogno d’essere da te,
nell’infinito Universo, cercato.
Oh… quanto ci manchi !

Che ci rimane adesso ?
Che posso io fare ?
Come Tamiri  sfidare le Muse ?
No ! Il canto e la preghiera,
t’assicuro, terranno sempre
desto il tuo immortale ricordo.

Pubblicata su Cronache Italiane- RealtÓ & Poesia  N. 10- 1997